shadow

Speed Date MPI Successo di formula e di partecipazione

by / Wednesday, 12 February 2014 / Published in Expo 2015, Latest News, Meeting & Eventi

speed-date1
L’evento Speed Date organizzato da Mpi Italia a Milano la sera del 6 febbraio 2014, presso l’Enoteca Viola, è stato un vero successo.
Il format proposto è stato molto utile per rivedere i fornitori, nostri fondamentali partner sul territorio e conoscerne le novità.
Nel contesto specifico dei progetti promossi da Renbel e dalla Rete d’Imprese Meet in Action, gli incontri con i fornitori hanno stimolato una maggiore sinergia soprattutto in vista dell’Expo 2015.
Motivati da questi incontri seguiranno appuntamenti con i supplier per sviluppare in maniera esaustiva le linee guida di una più stretta collaborazione.

Molto interessante l’incontro con i nostri potenziali clienti.
Gli scambi di informazioni e di contenuti sono stati facilitati dal contesto informale.
Ognuno di noi ha potuto presentare in maniera essenziale la propria realtà aziendale ed acquisire preziose informazioni e contatti.

Un sentito ringraziamento al Comitato MPI Italia per aver progettato e gestito questo primo evento di Milano, il primo di una lunga serie di incontri distribuiti su tutto il territorio nazionale.

 

Riporto di seguito il comunicato stampa integrale di Mpi

Successo di formula e di partecipazione

Speed Date è una tipologia d’evento nata negli Stati Uniti per stimolare ogni ospite a ripetere  una sintetica  auto-presentazione  con ogni  altro  partecipante,  sino  a che,  al termine della serata, tutti abbiano incontrato e conosciuto tutti.

Questo “parlarsi fra tutti” è la sintesi perfetta del nuovo obiettivo strategico di MPI Italia, che – in controtendenza con svariati settori come quello dell’industria degli eventi spesso troppo autoreferenziali – intende aprirsi a nuovi comparti e a nuovi linguaggi, estendendo il proprio raggio d’azione alle aziende fuori e dentro il settore e agli ordini professionali, tutti, nessuno escluso.

E sono state molte le categorie professionali presenti a questa prima serata Speed Date, che coi suoi oltre 40 partecipanti ha registrato un notevole successo. C’erano non solo organizzatori di eventi, ma anche direttori d’albergo, pubblicitari, interpreti, giornalisti e numerosi  altri  professionisti,  a testimonianza  del  fatto  che  la  contaminazione  fra  le categorie professionali – un tempo rigidamente separate e indipendenti – è la vera peculiarità del mercato del lavoro di oggi.

Le Digital PR

La serata è stata integrata dalla pillola formativa Digital PR–non solo social network a cura di Fabrizio Stoppa, strategic web writer & social media creative di Innovation Marketing. «Digital PR», ha detto, «sono l’insieme delle attività mirate a stimolare le conversazioni on line tra persone e brand. Servono a facilitare l’awareness per un nuovo prodotto o servizio, stimolare l’attenzione intorno al brand, spingere all’azione (call to action) e aumentare il numero di accessi ai siti e/o ai blog».

Chi sono gli “influencer”? Tutti coloro che mostrano passione per il prodotto o il servizio di cui si vuole che si parli. Sono grandi produttori di contenuti, considerati fonti affidabili e hanno un’elevata web reputation misurata da indici super partes e universalmente riconosciuti (quali Klout e Kred).

«Ci sono varie tecniche  per effettuare  digital PR con successo»,  ha spiegato Stoppa, «tutte riassumibili col concetto di “buzz marketing”. Si tratta di seminare (seeding) le discussioni,  stimolare  le conversazioni  in rete  coinvolgendo  gli influencer,  attivare  in modo virale le discussioni tramite il passaparola on line». Gli strumenti per verificare l’impatto? Il web monitoring, la ricerca per parole chiave, la richiesta diretta sui social.

Il contesto

Il format s’è rivelato azzeccato anche dal punto di vista di una partecipazione propositiva e  coinvolta.  L’ambiente  –  davvero  inconsueto  per  un  incontro  a  metà  strada  fra  il workshop   e  l’education  –  ha  stimolato  un  dibattito  vivace,  da  cui  sono  uscite considerazioni degne di nota. Una di esse, per esempio, dovrebbe essere tenuta ben presente dai tanti che si fidano ciecamente dei social network a prescindere dalla natura della propria attività, e cioè che le digital PR sono efficaci nel B2B solo se il committente ha anche obiettivi di B2C.

Uno degli principi più affermati di MPI nel mondo è appunto il rapporto diretto tra il successo di un evento e il contesto in cui esso si tiene, perché spesso ne supporta il contenuto. Questo primo Speed date del Capitolo Italia ne è stata la riprova.

La serata è stata accompagnata  da una selezionata  degustazione  di vini e appetizer gourmet proposti da Enoteca Viola e dal padrone di casa Giorgio De Angelis.

Del direttivo MPI Italia hanno partecipato la Presidente Olimpia Ponno, la Vicepresident membership Carla Solari e la Vicepresident education Giovanna Lucherini.

TOP